Il luogo e i dintorni
Il Capo ed il piccolo borgo di pescatori , come Omero scrive nell'Eneide, prendono il nome da "Palinuro" sfortunato nocchiero di Enea che si narra sia caduto nelle pericolose acque antistanti il capo, denominato in seguito Spartivento, e sia poi arrivato sulle spiagge della baia in fin di vita, dove i pescatori cercarono invano di rianimarlo. Palinuro si trova nel cuore del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, nella parte sud della provincia di Salerno. Nelle immediate vicinanze abbiamo molte importanti testimonianze della presenza di insediamenti della Magna Graecia, come l'Antica Elea (oggi conosciuta come Velia) e Paestum. La zona del parco che si trova a sud di Marina di Camerota (nella quale troviamo lo splendido "Porto Infreschi") è stata da poco riconosciuta patrimonio dell'UNESCO. Anche quest'anno Palinuro ha ottenuto il prestigioso riconoscimento come Bandiera Blu 2008.
calabianca Camerota baia Infreschi Camerota baia Infreschi grotta azzurra il promontorio di Capo Palinuro fiume Calore cascata di pertosa primula di palinuro paestum paestum Velia,  l'antica Elea velia strada dei filosofi
3Ncreations web designVeduta del capo da nord la baia del porto la spiaggia del porto gozzo ormeggiato